Regole dell’Oratorio

Da ormai quasi quindici anni esiste in parrocchia uno spazio quotidiano di oratorio.
Nato per rispondere ad una situazione concreta di famiglie che accompagnavano i propri figli, negli anni l’oratorio ha gradualmente cambiato fisionomia: i ragazzi che lo frequentano raramente hanno famiglie alle spalle che praticano la vita parrocchiale; l’oratorio diviene uno spazio aperto a tutti, luogo di accoglienza anche per chi non partecipa al cammino dei gruppi giovanili.
Diventa più impegnativo il rapporto con i ragazzi e più difficile avere figure responsabili per un’apertura qualificata degli spazi parrocchiali.
Si sente la necessità di riaccordarsi sulle regole di fondo che si rendono sempre più necessarie per custodire un ambiente non solo umanamente sano, ma anche improntato allo stile proprio di chi si ispira al Vangelo.

A Settembre del 2011 – non senza fatiche – arriviamo a riscrivere le regole dell’oratorio: un lavoro che ha fatto crescere anche l’equipe dei responsabili, perché abbiamo riscoperto il valore dell’oratorio, come ambito privilegiato di testimonianza cristiana verso tanti ragazzi.

 

Regole dell’Oratorio

L’oratorio è uno spazio ecclesiale di accoglienza verso tutti, in particolare verso i bambini, i ragazzi, i giovani e le famiglie.
L’obiettivo dell’oratorio è quello di offrire un ambiente umano ispirato ai valori cristiani; chi partecipa alla vita dell’oratorio accetta di comportarsi secondo uno stile di amicizia con tutti, di rispetto degli altri e di condivisione.
Questo stile si concretizza in alcune regole di fondo, che i responsabili hanno il diritto e il dovere di fare osservare a tutti (piccoli e grandi).

  • COMPORTAMENTO EDUCATO: non sono ammesse volgarità, toni arroganti, atteggiamenti violenti (anche nel gioco), urli, sputi (soprattutto se fuori dal campo); in particolare la bestemmia è qualcosa di intollerabile.
  • AMICIZIA CON TUTTI: quando si gioca non si deve mai escludere nessuno che voglia partecipare (questo vale anche per chi porta il pallone da casa).
  • In parrocchia educhiamo all’AFFETTIVITÀ come ad una cosa grande e molto seria. Per questo chiediamo a tutti di evitare in oratorio manifestazioni amorose, effusioni e atteggiamenti “facili”, soprattutto quando c’è presenza di bambini.
  • È VIETATO FUMARE: sia, ovviamente, dentro la buca, sia sulle scale della buca, sia nel campo parrocchiale, sia nello spazio coperto fuori dal cancello.
  • SIAMO TUTTI RESPONSABILI dei luoghi che utiliziamo: è dovere di tutti lasciare il posto pulito, rimettere gli oggetti in ordine, riportare i palloni al loro posto, buttare nel bidone eventuali carte o lattine. Il rispetto è non solo per le persone, ma anche per le cose che utilizziamo: chi rompe o perde qualcosa è tenuto a risarcirlo.
  • IL BILIARDO può essere utilizzato esclusivamente dai 14 anni in su e solo fino alle ore 18,30.
  • LE ATTIVITÀ ORGANIZZATE (Arca di Noè, Estate Ragazzi…) hanno la precedenza sull’oratorio libero.
  • In corrispondenza con SOLENNITÀ RELIGIOSE che coinvolgono tutta la comunità parrocchiale (Mercoledì delle Ceneri, Venerdì Santo, ecc…) l’oratorio verrà chiuso, per permettere a tutti di parteciparvi.
  • Gli spazi dell’oratorio si aprono solo con la PRESENZA DEL RESPONSABILE.

Questo regolamento riguarda il campetto, la buca e il piazzale della chiesa.

Nessun commento.

Lascia un commento

Comment form

Tutti i campi contrassegnati (*) sono obbligatori